Un esempio di buone pratiche: Monaco apre al telelavoro.

( Guest post di Gemma Cassia)

monaco-413140_1920

Il 5 luglio scorso si è tenuta nel Principato di Monaco la conferenza dal titolo: “Il telelavoro, una opportunità per Monaco” organizzata dal MEB – Monaco Economic Board.
Era presente il Ministro degli Affari Sociali, Stéphane Valeri, che ha ricordato due dei principali obiettivi delle leggi sul telelavoro recentemente approvate.
Il primo riguarda i telelavoratori che risiedono in Francia ma lavorano per imprese monegasche e che saranno sottoposti allo stesso regime di protezione sociale di chi lavora nel Principato.
Il secondo stabilisce l’obbligo, da parte del datore di lavoro, di formalizzare il contratto di telelavoro prevedendo anche la presenza del lavoratore nella propria ditta di almeno un terzo del suo tempo-lavoro, per conservare i legami sociali e di gruppo.
L’Ufficio del Lavoro di Monaco è a disposizione di tutte le ditte interessate per informazioni e sostegno alla sottoscrizione dei contratti.
Per il futuro del Principato il telelavoro è in effetti una grande opportunità che permette alle ditte di assumere senza dover aumentare il numero degli uffici (lo spazio è esiguo e gli affitti molto cari); inoltre i telelavoratori non hanno bisogno di spostarsi ogni giorno tra casa e lavoro, favorendo in questo modo il decongestionamento del traffico soprattutto nelle ore di punta.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...