Accordi

orchestra

Non vi parlerò di musica (unica materia oltre all’educazione fisica in cui presi dei gravemente insufficiente) ma di un’intervista di Monica Fabris che mi ha colpito e che vi propongo:

Il punto è questo: il lavoratore deve poter seguire il suo percorso di vita per stare meglio e lavorare meglio, ma deve avere grande autodiciplina e capacità di mantenere i contatti con tutti, per far andare avanti i progetti, ma anche per tenersi aggiornati sulle chiacchere di corridoio.

Non è impossibile per esperienza personale, ma richiede uno sforzo di cambiamento da parte del lavoratore. Siamo pronti a farlo tutti?

Dovremmo farlo in maniera progressiva e soprattutto volontaria. Forse ci sono persone che proprio non sono tagliate per questo modo di lavorare.

Ma se nel futuro per lavorare dovessimo tutti fare “smart working” perchè non esisterà un altro modo di lavorare?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...